Passeggiata guidata con lo storico Alberto Recanatini

Data: 
Sabato, 13 Maggio, 2017 - 10:00
Luogo: 
AN Facoltà Economia
Presentazione

L'ultimo appuntamento del programma Your Future Festival prevede una passeggiata guidata con lo storico Alberto Recanatini, un percorso che tocca le storie di luoghi e di persone e ripercorrere la memoria della città di Ancona e delle radici europee.
Si parte alle 10:00 al'ingresso della Facoltà di Economia G. Fuà, ecco le tappe:

- La Caserma Villarey fu costruita tra il 1865 e il 1867. Durante l'occupazione tedesca della città la caserma e le centinaia di soldati che ospitava caddero in mani naziste; l'edificio fu allora lo scenario
di innumerevoli vicende ed atti di coraggio, di cui tuttora è viva l'eco.

- Il Parco del Cardeto è il più vasto parco urbano di Ancona. A picco sul mare, occupa le sommità dei colli Cappuccini e Cardeto e si estende in un'area di circa 35 ettari, tutti a ridosso del centro.

- La posa della prima pietra del Convento di Santa Palazia avvenne il 14 novembre 1590. Il 27 dicembre 1630 entrarono le prime suore nel convento. Nel 1864 il complesso diviene sede di un istituto
carcerario. Durante la seconda guerra mondiale i carcerati si costruirono un rifugio antiaereo al di sotto del complesso. Il bombardamento del 1º novembre 1943 causò più di 700 vittime
all'interno del rifugio antiaereo. (lo storico Recanatini ha intervistato personalmente uno dei pompieri che ha preso parte alle operazioni di soccorso nel rifugio).

- Il Duomo di Ancona è dedicato a San Ciriaco ed è la cattedrale metropolitana dell'arcidiocesi di Ancona-Osimo. Le sue origini sono antichissime: già nel III Sec. a.C. era presente nella zona un tempio dedicato ad Afrodite Euploia; nel VI Sec sui resti del tempio classico sorse la basilica paleocristiana di San Lorenzo, di cui si conservano tuttora tracce importanti. La posizione del Duomo, che si innalza sulla sommità del colle Guasco, è estremamente scenografica e permette di avere una visione panoramica sulle zone della città maggiormente coinvolte dalla seconda guerra mondiale.

- La chiesa romanica di San Pietro, costruita nel XIII secolo, fu danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e successivamente demolita. I pochi resti dell'abside si trovano in via
Scosciacavalli, mentre parte del portale è custodito nel museo diocesano.