Europa, Giovani e Lavoro: le opportunità oltre le criticità

Data: 
Giovedì, 11 Maggio, 2017 - 10:30
Luogo: 
San Benedetto
Lezione
Presentazione

La Fondazione Lavoroperlapersona è una fondazione di partecipazione, senza scopo di lucro, attiva dal 2011, con sede legale nella città di Offida (AP) e operativa anche a Roma. La missione assegnata dallo Statuto è valorizzare il lavoro come espressione della persona per contribuire a creare una società aperta, interculturale e accogliente, promuovendo e sviluppando ambienti di lavoro e modalità di gestione che rispettino la persona, valorizzando diversità, partecipazione e inclusione.
I valori cui sono ispirate le sue attività sono: Rispetto della persona nella sua integralità e unicità, Dignità del lavoro, espressione dell’uomo, Diversità come dono e fondamenta di una società aperta, interculturale e accogliente, Imprenditorialità come espressione multiforme della creatività dell’uomo, Sussidiarietà e Solidarietà come strumenti di coesione sociale, impegno e responsabilità di tutti verso la costruzione del bene comune.
Per realizzare gli scopi statutari la Fondazione è attiva nei campi dell’educazione e della formazione, della ricerca, della sensibilizzazione e della promozione culturale  per sostenere e sviluppare la persona come “soggetto in relazione con l’Altro” che trova nel lavoro una fonte di realizzazione per sé e di sviluppo per la società.
 

"Europa, Giovani e Lavoro: le opportunità oltre le criticità",ecco il tema del workshop organizzato dall'associazione Lavoroperlapersona all'interno del festival nella sede di San Benedetto.
La crisi economica che attraversa il nostro tempo è, senza dubbio, anche una grande crisi identitaria, talmente grave da minacciare i successi fin qui ottenuti all’insegna della unione, della accoglienza e dei legami dei popoli.
La domanda che attraversa la politica è, dunque, se davvero l’Europa può essere una casa comune costruita attorno al lavoro, prima che attorno ad essa si costruiscano muri alienanti e mortiferi. A 60 anni dai trattati di Roma e a 30 dalla creazione del progetto Erasmus, l’Europa è ancora un soggetto sfuggente, incapace, da una parte, di generare legami tra le persone e, dall’altra, sciogliere i vincoli che troppo spesso impediscono ai giovani ed al lavoro di essere generativi.
Quale Europa è ancora possibile in questo contesto di enormi mutamenti economici, politici e sociali? Quali sono le soluzioni migliori per avvicinare i giovani all’Europa attraverso il lavoro? Uno spazio per riflettere sulla identità europea ed ascoltare le esperienze di chi, attraverso il lavoro, ha scorto nella nostra casa comune una opportunità per generare legami.